EXPAT

Il termine EXPAT deriva dalla parola anglosassone expatriate e indica colui o colei che sono emigrati in un paese straniero. Perchè allora non utilizzare la parola immigrato?

Perchè nella cultura occidentale,- beh parliamo intanto di quella italiana-, il rimando semantico è alla persona che proviene da un paese per lo piu’ extracomunitario o dalle aree piu’ povere e disagiate del mondo. Sappiamo però che immigrato è anche chi per esempio, proviene da paesi come la Francia o come l’Australia e che si trova a vivere in Italia per motivi famigliari o di lavoro. Il nostro intervento psicologico si rivolge quindi a tutti coloro che sono stranieri in Italia e che qui desiderano integrarsi e trovare un luogo di supporto e di accompagnamento in una società che è differente dalla propria. Offriamo percorsi di terapia e consulenza in italiano e in differenti lingue        (spagnolo, francese, inglese, rumeno, albanese, tedesco ecc..).

Se sei un EXPAT potresti soffrire di problematiche legate al tuo inserimento sociale o lavorativo o provare un forte disagio legato a comportamenti e abitudini che sembrano essere troppo diversi dai tuoi, o ancora sentire che la nostalgia di casa ti impedisce di trovare il “tuo posto” in Italia. Uno dei nostri obiettivi è quello di fornire gli strumenti necessari e un supporto psicologico specifico per superare lo shock culturale e favorire l’inserimento sociale.

Oltre al disagio personale, dove spesso si riscontrano pregiudizio e sentimenti di esclusione, possono presentarsi  problematiche nelle dinamiche professionali o nei percorsi di studio. Se senti tue queste problematiche,  sappi che è assolutamente normale  e che un sostegno adeguato potrebbe aiutare a favorire e migliorare l’incontro fra la tua cultura e quella del paese ospitante.